ASP Azalea

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona del Distretto di Ponente

NEWS



01/12/2016

E' online il Bando di selezione per nuovi Infermieri Professionali e la documentazione per la domanda di partecipazione.

Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI


23/11/2016

E' online il Bando di selezione per nuovi Educatori e la documentazione per la domanda di partecipazione.

Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI



25/07/2016

E' online la graduatoria finale per incarichi del Bando di Servizio Civile Volontario.

Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI


12/07/2016

Sono online l'avviso di vendita e i moduli per partecipare alla trattativa privata relativa alla vendita da parte di ASP Azalea di un appartamento situato in Pianello Val Tidone.

Nuova scadenza presentazione offerte:  28 luglio 2016


Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI


23/06/2016

E' online la graduatoria finale per incarichi a tempo determinato per assistente sociale.

Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI


17/06/2016

Sono online l'avviso di vendita e i moduli per partecipare alla trattativa privata relativa alla vendita da parte di ASP Azalea di un appartamento situato in Pianello Val Tidone

Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI



07/06/2016

E' uscito il nuovo Bando di Servizio Civile Volontario.

Asp Azalea ha ottenuto l'approvazione di due progetti:


- DENTRO E FUORI CASA (area intervento: disabili) - 2 posti

- MEGLIO A CASA (area intervento: minori e disabili) - 2 posti


La scadenza per la domanda di ammissione è il 30 Giugno 2016 alle ora 14.00.


PROROGA PRESENTAZIONE DOMANDE


Altre informazioni a questo link:


CLICCA QUI



31/05/2016

E' online la documentazione riguardante: "Raccolta curriculum per procedure comparative di infermiere, educatore e OSS” disponibile a questo link:


CLICCA QUI


31/05/2016

E' online la documentazione riguardante: "Elenco ammessi alla selezione e convocazioni al colloquio” disponibile a questo link:


CLICCA QUI


10/05/2016

E' online la documentazione riguardante il "Bando di Concorso per la selezione di nuovi assistenti sociali” disponibile a questo link:


CLICCA QUI


08/02/2016

E' online la documentazione riguardante la "Gara per affidamento della gestione del servizio sociale comprendente tutela minori, gruppo appartamento e assistenza disabili” disponibile a questo link:


CLICCA QUI



16/11/2015

“Il nuovo Amministratore Unico di ASP AZALEA è il Dott. Francesco Botteri”. L’Assemblea dei Soci, dopo aver modificato lo Statuto aziendale, adeguandolo alle disposizioni contenute nella Legge Regionale n.12/2013, in merito alla nuova figura dell’Amministratore Unico quale organo di gestione in sostituzione del Consiglio di Amministrazione, ha nominato il Dott. Francesco Botteri Amministratore Unico dell’Azienda.”


18/05/2015

Servizio Civile Nazionale - Informazioni






Con deliberazione della Giunta regionale n. 2342 del 22 dicembre 2008 è stata costituita l’ASP AZALEA – Azienda pubblica di servizi alla persona del Distretto di Ponente.
L’azienda trae origine dalla trasformazione e dalla fusione delle due Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza Casa protetta Albesani e Istituto Enrico Andreoli.

 ASP AZALEA opera nel sistema dei servizi socio sanitari regionale, rivolgendosi a diversi tipi di utenza: anziani, disabili e malati in fase avanzata. A questi servizi, “storici” in quanto già gestiti dalle II.PP.A.B. originarie, vanno aggiunti i servizi territoriali per i minori ed i disabili adulti.

Nelle proprie strutture di Castel San Giovanni (ex Casa protetta ALBESANI) e di Borgonovo Val Tidone (ex Istituto ANDREOLI) gestisce quindi una Casa Residenza Anziani (CRA), un Hospice territoriale, al cui interno sono ospitati anche alcuni utenti con gravi cerebro lesioni, una residenza per disabili psichici e psichiatrici e interventi di assistenza domiciliare per anziani non autosufficienti. Nella struttura di Borgonovo Val Tidone ha inoltre messo a disposizione dei Servizi sociali territoriali gestiti per conto di tredici comuni conferenti, locali e servizi idonei all'ospitalità di madri con bambini.

In una parte dell’immobile di via Seminò a Borgonovo Val Tidone, di proprietà della Azienda USL di Piacenza e già sede dell’ospedale, ora di una “Casa della salute”, sono presenti sia il Centro Socio Riabilitativo, residenziale e diurno, “Camelot” ed i servizi territoriali per la Tutela Minori e disabili adulti.

Il bacino di utenza è prevalentemente distrettuale per i servizi rivolti agli anziani, mentre per le persone disabili e per l’hospice l’Asp si rivolge a tutta la provincia. I servizi offerti da Asp Azalea sono convenzionati con l’Ausl di Piacenza. L’hospice è accreditato dalla Regione Emilia-Romagna. Lo Statuto dell’Asp Azalea è stato approvato contestualmente alla costituzione dell’Azienda dalla Regione Emilia-Romagna, successivamente modificato per l’adeguamento alla Legge regionale n. 12/2013 ed approvato dalla Regione Emilia-Romagna con deliberazione della Giunta n. 1465 del 6 ottobre 2015.

 

La nostra storia


Azalea è nata dalla trasformazione delle IPAB Casa Protetta Albesani e Istituto Enrico Andreoli in Azienda pubblica di servizi alla persona.


Andreoli e Albesani sono due enti storici del Distretto di Ponente della Provincia di Piacenza, nati alla fine del 1800 e affermatisi nel secolo scorso per l’assistenza ad anziani e persone bisognose.


La Casa protetta Albesani fu fondata dal Cav. Antonio Albesani, con testamento olografo in data 10 febbraio 1874. Il Cavaliere, deceduto il 18 novembre 1880, lasciò un legato al Comune di Castel San Giovanni di lire 50.000 da mettere a frutto fino al raggiungimento della somma di lire 100.000 per costruire un ricovero di mendicità per ospitare anziani residenti a Castel San Giovanni, che fossero in miseria o non avessero parenti o non fossero in grado di provvedere al loro mantenimento. In attesa di costruire il ricovero, il Comune dispose che l’opera pia Albesani fosse eretta Ente Morale ed aggregata agli Ospizi Civili, cosa che avvenne con Decreto Luogotenenziale in data 8 giugno 1916. Invece di realizzare una nuova costruzione, il Comune concesse in comodato d’uso perpetuo all’Ente Ricovero Albesani parte dei locali dell’ex convento di San Rocco e la chiesa annessa, che erano già stati adibiti ad ospedale militare durante la guerra. In tempi successivi il Comitato castellano per le onoranze ai caduti decise di devolvere il denaro raccolto per acquisire la parte ovest dell’ex convento e realizzare così il ricovero. Sulla facciata dell’edificio si può vedere ancora oggi la lapide con cui l’edificio fu dedicato ai caduti della prima guerra mondiale.

Nel 1987 con il Decreto n. 55 del Presidente della Giunta Regionale dell’Emilia Romagna, l’ente assunse il nome di “Casa Protetta Albesani”.


L’Istituto Enrico Andreoli fu istituito in Ente Morale con Decreto Reale del 2 marzo 1897 con la denominazione di “Ricovero per impotenti al lavoro”. Il nome “Enrico Andreoli” fu attribuito per decreto del Presidente della Repubblica il 2 marzo 1954 a ricordo del dott. Enrico Andreoli, suo primo presidente e medico condotto del paese che tanto si era prodigato nell’assistenza alle persone che erano accolte nell’ospizio di mendicità, collocato nell’ex convento dapprima di proprietà dei Frati Francescani e dal 1878 passato al comune. Gli ospiti dell’Istituto erano persone affette da patologie irreversibili per i quali non vi era speranza di altre cure, anziani poveri, soli o abbandonati dalle famiglie, invalidi, portatori di handicap di vario genere, malati psichiatrici e persino minori illegittimi o orfani, comunque in generale tutti coloro che per motivi di infermità fisica o psichica non potevano lavorare. Le cure erano affidate all’Ufficiale Sanitario del Comune, il dott. Enrico Andreoli , medico e personalità di spicco del paese che si dedicò personalmente e disinteressatamente alla cura di questi “diseredati della fortuna” anche dopo il pensionamento, fino agli anni 20. L’assistenza e il governo della casa erano stati affidati alle suore della congregazione Ancelle della Carità con una convenzione rimasta in vigore fino all’inizio degli anni 90. Alla fine degli anni 30 grazie a un accordo con l’Ospedale Psichiatrico di Piacenza e a uno stanziamento di 1.060.000 lire venne costruito un padiglione psichiatrico nella parte nord dell’area, inaugurato alla presenza delle massime autorità nel 1939. La struttura manicomiale ospitava cittadini della Provincia di Piacenza, ma anche persone provenienti da altre regioni, aumentando notevolmente il numero dei ricoverati.

Con la legge 180 del 1978 si avviò il processo di chiusura del padiglione. Rimasero attivi i servizi di casa di riposo e di casa protetta. Nel 2005 si è aggiunto anche un hospice per malati in fase avanzata di malattia.

DALLE IPAB ALL’ASP

La trasformazione delle due IPAB, la loro fusione e la costituzione della nuova Azienda Pubblica di Servizi alla Persona sono il risultato di un processo complesso che ha cambiato in modo significativo la struttura politica e quella operativa dell’ente.
La nascita dell’Asp ha coinvolto i 23 comuni del Distretto di Ponente che ora sono soci di Asp Azalea:

  1. Castel San Giovanni
  2. Borgonovo Val Tidone
  3. Agazzano
  4. Bobbio
  5. Calendasco
  6. Caminata
  7. Cerignale
  8. Coli
  9. Corte Brugnatella
  10. Gazzola
  11. Gossolengo
  12. Gragnano Trebbiense
  13. Nibbiano
  14. Ottone
  15. Pecorara
  16. Pianello Val Tidone
  17. Piozzano
  18. Rivergaro
  19. Rottofreno
  20. Sarmato
  21. Travo
  22. Zerba
  23. Ziano Piacentino

(rinvio ad art. 8 dello Statuto di Asp Azalea)